AREA DOWNLOAD
CANDIDATI ORA
Molto di più

Un nuovo modo
di parlare ai giovani
e al mondo del lavoro

Alla scoperta della Digital Literacy: il punto di partenza per sviluppare le soft skills digitali

Posted by Redazione on 09/07/19 12.32

Alla scoperta della Digital Literacy: il punto di partenza per sviluppare le soft skills digitali

Redazione 09/07/19 12.32 pubblicato in Formazione

È sotto gli occhi di tutti noi: il mondo sta cambiando a un ritmo sempre più veloce dettato dal progresso tecnologico. In questo contesto come è possibile continuare a restare aggiornati selezionando le informazioni maggiormente rilevanti? Prima di tutto dovresti imparare ad allenare la tua mente ad essere aperta al cambiamento e in grado di individuare, elaborare e fare proprie le giuste informazioni per arricchire di giorno in giorno il tuo Digital Mindset, di cui abbiamo parlato all'articolo "Cos’è e come sviluppare il tuo Digital Mindset".

 

COSA È LA DIGITAL LITERACY?

Il primo ad aver introdotto il concetto di Digital Literacy è stato Paul Gilster, che l’ha definita come:

“l’abilità di comprendere e utilizzare le informazioni disponibili in diversi formati a partire dall’analisi di una moltitudine di fonti accessibili da pc”.

In questa definizione lo studioso intende richiamare la nostra attenzione sulla differenza tra i mezzi di informazione digitali e i media tradizionali. Questo perché la Digital Literacy implica che ogni individuo riesca ad adattare le proprie skills non digitali a un nuovo contesto e a un nuovo mezzo.

La American Library Association offre una nuova definizione che ricalca quella di Gilster:

“La Digital Literacy è la capacità di utilizzare internet e gli strumenti ICT per trovare, valutare, creare e comunicare informazioni attraverso l’impiego di abilità cognitive e tecniche”.

Ecco quindi che il concetto di Digital Literacy prende forma e, grazie a internet, l’accesso, l’elaborazione e la diffusione delle informazioni presenti online diventano più veloci e immediati. Tuttavia, per poter dire di possedere una buona Digital Literacy, non è sufficiente avere accesso alle fonti della conoscenza ma, al contrario, ciò che conta davvero è saper individuare le fonti più rilevanti, di valutarle e di combinare più fonti che possano dare una prospettiva dell’oggetto di studio il più ampia possibile.

 

DIGITAL LITERACY E IMPLICAZIONI PRATICHE

Sviluppare la tua Digital Literacy implica da un lato la conoscenza di alcune dinamiche tipiche del web e, dall’altro, l’impiego di una componente cognitiva che esula dal contesto in cui si esercita questa skill. Nonostante ciò, è necessario tenere sempre in considerazione che la sovrabbondanza delle informazioni reperibili online rende certamente più complesso il processo di apprendimento.

Ecco quindi che potrai dire di padroneggiare la Digital Literacy quando:

  • avrai familiarità con le fonti online in cui è possibile ricercare le informazioni;
  • sarai in grado di utilizzare le keyword più appropriate per portare avanti con successo la tua ricerca;
  • utilizzerai strumenti che ti permettono di raccogliere i materiali multimediali e le informazioni provenienti da fonti diverse;
  • saprai valutare l’autorevolezza di una fonte, prestando particolare attenzione al fenomeno delle “fake news” che, negli ultimi anni, sta dilagando online.

Una componente fondamentale della Digital Literacy è la conoscenza delle principali dinamiche tipiche del web, dove il funzionamento dei motori di ricerca ricopre sicuramente un ruolo cruciale. A tal proposito quindi un utente non può dire di possedere una buona Digital Literacy se non è consapevole del meccanismo con cui un motore di ricerca come Google genera i risultati. L’indicizzazione delle pagine web sui motori di ricerca è infatti determinata da un complesso algoritmo che viene attivato dalle keyword che inserisci durante la ricerca: più specifiche sono, più è probabile che troverai velocemente le informazioni di cui hai bisogno. Oltre a Google & co. esistono numerosi strumenti online che fungono da repository di materiali scientifici o semplicemente informativi: ad esempio, se hai scritto o stai scrivendo la tua tesi di laurea, Google Scholar, ScienceDirect o ResearchGate sono validi strumenti per raccogliere materiale informativo autorevole.

 

Il mercato del lavoro è in costante evoluzione e i recruiter si aspettano sempre di più da ogni candidato. Continua a restare competitivo agli occhi dei selezionatori e inizia subito a migliorare la tua Digital Literacy e tutte le altre soft skills, clicca qui sotto per ricevere il nostro report e conoscere più da vicino le nuove competenze digitali!

 

Digital_Soft_Skills

 

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social!