AREA DOWNLOAD
CANDIDATI ORA
Molto di più

Un nuovo modo
di parlare ai giovani
e al mondo del lavoro

Assessment Center e colloquio di gruppo: cosa c’è da sapere?

Posted by Redazione on 07/05/18 9.44

Assessment Center e colloquio di gruppo: cosa c’è da sapere?

Redazione 07/05/18 9.44 pubblicato in Il mondo del lavoro

L’Assessment Center è una delle metodologie di selezione del personale maggiormente utilizzate, soprattutto dalle grandi aziende, quando si ha bisogno di indagare delle capacità dei candidati che non emergerebbero in un colloquio tradizionale. Niente paura, non è nulla di insormontabile, basta conoscere bene questa tipologia di colloquio e prepararsi per affrontarlo al meglio. Ma, entrando nello specifico, quali sono le prove da superare? Andiamo per ordine! 

 

Il colloquio di lavoro: consigli di stile

Assessment Center: l’inizio

L’Assessment Center si svolge principalmente in gruppo - sul tema abbiamo già scritto un articolo a questo link: "Cosa vuol dire lavorare in gruppo?". Questo tipo di esercitazione serve ai selezionatori per ricreare un ambiente che rispecchi il più possibile la realtà operativa dell’azienda. 

L’obiettivo degli Assessment Center è quello di valutare le abilità che vengono definite “soft skills”: capacità trasversali che vanno dalla leadership alla collaborazione, dall’abilità nel prendere decisioni al condurre negoziazioni e così via. All’interno del gruppo di lavoro (generalmente non più di 8 persone) sono presenti anche degli “osservatori”, cioè membri del personale preparati ed esperti che hanno il compito di valutare ed assegnare un punteggio ai comportamenti manifestati dai candidati. In genere gli Assessment Center durano di più di un colloquio tradizionale (a volte anche un giorno intero) e iniziano con una presentazione generale del programma della giornata, seguita dall’apertura ufficiale dei lavori con l’invito a ciascun candidato di presentarsi pubblicamente. Attenzione: durante questa presentazione sarai già sotto osservazione! 

Lavori di gruppo

Una volta terminate le presentazioni, l’Assessment Center prosegue con una serie di lavori, di gruppo o individuali, variabili a seconda delle esigenze dell’azienda e delle competenze da indagare fra i candidati. 

Per quanto riguarda i lavori di gruppo, generalmente si dividono in due sezioni: 

  • #1 Casi e problem solving

In questa situazione vengono proposti, a tutto il gruppo, o casi da risolvere inerenti alla posizione di lavoro per la quale è in corso la selezione, oppure degli argomenti generici di cui discutere (ad esempio potrai trovarti immerso in situazioni estreme in cui sfoderare le tue soft skills: un atterraggio di emergenza di un aereo oppure la nave su cui sei imbarcato che naufraga su di un’isola disabitata.). L’obiettivo di questo step è generare una conversazione di gruppo, che prosegua in modo autonomo e che permetta agli osservatori di valutare le caratteristiche delle singole persone - come leadership, lo spirito di iniziativa o capacità di ascolto -. 

Non farti prendere dal panico: queste situazioni, così come l’obiettivo degli Assessment Center in generale, non servono per valutare se arrivi alla soluzione del problema. Servono semplicemente per verificare la qualità delle tue interazioni con il gruppo e il tuo modo di porti nei confronti di un lavoro di squadra. Non esistono, quindi, risposte totalmente giuste o completamente sbagliate, quello che conta è principalmente la tua modalità di interazione. Per questo è assolutamente sconsigliato assumere una posizione di chiusura o di totale silenzio: in questi casi, infatti, gli osservatori non avranno alcun elemento per poter valutare le tue soft skills e tenderanno a scartare il tuo profilo.

  • #2 Role playing

Lo dice la parola: gioco di ruolo. Te ne verrà assegnato uno all’interno del gruppo, con il quale dovrai affrontare la situazione o lo stimolo suggerito all’inizio. Di solito i giochi di ruolo descrivono situazioni lavorative, ad esempio il caso in cui ci sia una persona da licenziare o un contenzioso da risolvere, e i ruoli sono assegnati direttamente dagli osservatori. 

Come per i casi di cui abbiamo parlato sopra, anche in queste situazioni non viene valutata la soluzione rispetto al contesto, ma le capacità messe in atto per affrontare la prova. Quindi rilassati e sii te stesso: gli osservatori utilizzano queste strategie proprio per capire chi sei.

 

Prove individuali 

All’interno dell’Assessment Center potrà capitarti di dover effettuare anche delle prove individuali, che generalmente si dividono in quattro sezioni: 

  • #1 Prove “in basket” 

Dovrai confrontarti con una situazione standard, che da’ il nome a questa prova: in assenza di un responsabile aziendale, dovrai gestire tutte le sue contingenze guardando dentro un ipotetico “cestino” della corrispondenza, oppure sulla sua scrivania o all’interno dei documenti sul PC. L’obiettivo di questa prova è valutare le tue capacità di prendere decisioni in breve tempo e di organizzare il tuo lavoro e quello di eventuali collaboratori. 

  • #2 Case presentation & Public speech 

Questa tipologia di prova serve per valutare la tua capacità di elaborare una strategia aziendale in un tempo prestabilito e successivamente presentarla in pubblico: ti verrà chiesto, ad esempio, di analizzare una situazione aziendale, scrivere come la risolveresti e successivamente esporre la tua idea agli astanti. In questo step vengono valutate le abilità di elaborazione strategica e la capacità di parlare in pubblico. 

  • #3 Test e questionari di personalità 

I questionari possono variare a seconda della figura professionale ricercata. In generale servono semplicemente per avere più informazioni sui candidati e indagano, con domande a risposta singola o multipla, degli aspetti della tua personalità. Ad esempio, potrai imbatterti in domande come “Cosa faresti se un tuo collega ti attaccasse in pubblico?”, “Come ti comporteresti di fronte ad un capo scontroso?”, “Cosa diresti ad un tuo collega in difficoltà sul lavoro?” e così via.  

  • #4 Interviste individuali 

Di solito, al termine della giornata, arriva il momento del colloquio personale: una situazione in cui ti verrà sottoposta un’intervista specifica, per indagare più a fondo gli aspetti che interessano la posizione per cui ti sei candidato. Quali sono le domande più gettonate ai colloqui di lavoro? Clicca il link e scoprile! 


Gli Assessment Center sono dunque una metodologia di selezione del personale che mira a capire chi sono i candidati attraverso prove di gruppo o individuali.

Possono sembrare un ostacolo difficile da superare, ma non è così: il modo migliore per affrontare queste prove è ricordarti che ciò che importa davvero agli osservatori è il tuo modus operandi e le strategie di pensiero che metterai in atto. Il consiglio che ti diamo è quello di mantenere la tranquillità e cercare di essere te stesso il più possibile: questo atteggiamento ti permetterà di affrontare le prove al netto delle tue capacità.

Per saperne di più sul processo di selezione e scoprire come eccellere in ognuno degli step previsti dai colloqui, leggi CV e colloquio di lavoro: tutto quello che c'è da sapere!

Sei stato convocato per un Assessment Center o per un colloquio tradizionale, e hai bisogno di qualche consiglio su come presentarti al meglio? Clicca qui sotto e scarica l’infografica con i nostri consigli di stile. 

 

Il colloquio di lavoro: consigli di stile

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social!