AREA DOWNLOAD
CANDIDATI ORA
logo_moltodipiu_blu

Un nuovo modo di parlare ai giovani e al mondo del lavoro

Il Curriculum Vitae perfetto per trovare lavoro

Posted by Redazione on 02/05/18 10.23

Il Curriculum Vitae perfetto per trovare lavoro

CV perfetto per il settore assicurativo
Da: Redazione Pubblicato il: 02/05/2018
pubblicato in:
Condividi su:

Aggiornato a maggio 2020.

 

Scrivere il proprio Curriculum Vitae è un passaggio obbligatorio per entrare nel mondo del lavoro. Scriverlo bene è il modo migliore per farsi notare e accedere ai famigerati colloqui di lavoro. Bisogna ricordare, però, il famoso detto del mondo del recruitingazienda che vai, curriculum che mandi.

Uno degli errori più comuni, infatti, è quello di scrivere un solo curriculum e inviarlo in modo sistematico a tutte le aziende per le quali si desidera candidarsi, anche se queste ultime sono di settori diversi. Chi valuterà il tuo CV non valuterà il tuo profilo professionale nel complesso, ma si limiterà a ricercare le informazioni più in linea con la posizione di lavoro offerta. Per questo è importante che ti focalizzi sul tipo di azienda per cui ti vuoi candidare e prendi, dalla tua esperienza, solo i tratti che giocano a tuo vantaggio. Se vuoi conoscere tutto quello che c'è da sapere sul Curriculum Vitae, clicca il link e sfoglia il nostro articolo! 

I curricula sono dunque tutti uguali? Certamente no. Come si fa, allora, per scrivere un buon CV, in particolare per il settore assicurativo? Lo abbiamo chiesto a Cristina Gardini, Head of People Dialogue e HR di Alleanza Assicurazioni. 

Il colloquio di lavoro: consigli di stile

 

Il Curriculum Vitae perfetto
1. CV perfetto: generico o specifico? Sintetico o dettagliato?
 

Parto da una premessa: il percorso di selezione del personale, così come quello del candidato dal momento in cui invia il CV a un’azienda specifica, per molti versi somiglia ad una storia d’amore. Ci si sceglie insieme, dal primo appuntamento fino allo stabilirsi della relazione di lavoro. Una storia d’amore non può essere “generica”, e dunque anche il CV deve essere pensato specificamente per l’azienda in cui ci si candida. 

Il candidato, quindi, deve essere davvero interessato all’azienda e non inviare CV a tappeto, in modo superficiale.

Poi, il curriculum deve rappresentare il candidato, quindi non c’è una risposta corretta fra sintetico o dettagliato, l’importante è che non sia eccessivamente prolisso. Il curriculum dovrebbe essere visto come un abito: deve calzare al candidato come se fosse cucito addosso, e deve dire qualcosa di lui e della sua personalità. È fondamentale, quindi, che non ci siano errori di battitura e che sia curato nei dettagli. 

2. Qual è la prima cosa che si guarda in un CV?

Direi la foto, se presente, poi l’anagrafica e infine l’esperienza. La foto è al primo posto ed è davvero molto importante. I selezionatori prima di tutto sono persone ed è naturale essere incuriositi dall’immagine della persona.

Un CV con foto di solito emerge di più, però bisogna fare attenzione al tipo di fotografia: no a quelle a figura intera, specialmente se sono su uno sfondo non uniforme, perché non è professionale.

Allo stesso modo, no a foto vecchie: l’immagine deve essere recente, a mezzobusto e rappresentarci in modo personale, ma serio.

 

3. Quali sono gli altri dati che non possono mancare in un CV? 

I dati imprescindibili sono quelli anagrafici, anche la data di nascita: molti candidati non la inseriscono, ma per noi è indispensabile. Questo dato non deve essere vissuto con pregiudizi: l’età, infatti, consente di accedere a particolari garanzie o a diverse opportunità contrattuali. 

Poi, è importante inserire le esperienze professionali e il percorso di studi. Io consiglio sempre di mettere solamente quelle informazioni che possono arricchire il CV con dati interessanti e qualità o competenze che siano spendibili nel ruolo per cui ci si candida. 

 

4. Nel caso non avessi esperienze professionali da inserire? 

Le esperienze professionali non sono le uniche che alimentano le competenze. Ad esempio, se mi candido per un ruolo in cui serve capacità di problem solving o l’essere multitasking, l’esperienza genitoriale è un fattore che può arricchire il CV e dare un vantaggio competitivo importante.

Allo stesso modo, se faccio parte di associazioni di volontariato o di squadre sportive, potrò segnalarlo andando a valorizzare le soft skills che accompagnano tali attività. O ancora, se ho fatto delle esperienze all’estero e acquisito delle competenze, posso segnalarlo mettendole in luce. L’importante, in sostanza, non sono solo le competenze in sé: è fondamentale sapersi valorizzare.

 

5. Competenze acquisite: quanto sono importanti all’interno di un CV? 

Le competenze acquisite sono il vero cuore del CV, che salta all’occhio all’esaminatore. Molto spesso però i candidati tendono ad essere sbrigativi, compilando questa parte senza fare attenzione: c’è un gran copia e incolla di frasi come “so lavorare in squadra”, “ho doti di problem solving”.

Queste competenze da sole non bastano: colpisce molto di più saperle contestualizzare, ad esempio “so lavorare in squadra e ho affinato questa mia capacità perché da anni gestisco una associazione che si occupa di…”. Non tutte le aziende sono uguali, e di conseguenza non tutti i lavori. Non servono le stesse competenze per qualsiasi posizione ci si candidi, quindi un lavoro importante da parte del candidato è capire quali sono le competenze specifiche che potrebbero farlo emergere nell’azienda per cui si sta proponendo, e puntare su quelle.

 

Lo stesso vale per i punti di forza, le aree di miglioramento e gli hobby: per poterli inserire in modo che portino un valore aggiunto al CV, il candidato deve avere una buona consapevolezza di se stesso e sapersi analizzare in modo sincero. Questa è la parte più ricca del CV, quella più personale, e non deve essere standardizzata con un paragrafo a punto elenco: il candidato può esprimersi liberamente per dimostrare tutte le sue qualità. 

In questo caso, non bisogna avere paura di uscire dalla prima pagina. Tutti i recruiter che vogliono dare valore alle persone fanno un pre-screening dei CV e poi li guardano nel dettaglio, uno per uno. Certo, non bisogna essere prolissi, ma completi sì. 

CV perfetto per il settore assicurativo


6. Allegare la lettera di presentazione oppure no? 

È buona norma allegare una lettera di presentazione al Curriculum, ma con qualche accorgimento: le lettere lunghe, per mia esperienza, non vengono lette.

La lettera di presentazione deve essere sintetica e personalizzata, da quella deve emergere chi è il candidato e perché vuole lavorare per quell’azienda. Io, ad esempio, preferisco ricevere una lettera con pochissime righe di presentazione e poi il CV ben strutturato, con l’esperienza “arricchita” come ho raccontato prima, piuttosto che una lettera di presentazione prolissa e un CV stringato.

Se non si vuole scrivere una lettera vera e propria, si possono anche inserire un paio di righe introduttive all’inizio del CV, per agevolarne la lettura.

 

7. I riferimenti ai canali social all’interno del CV: sì o no?

Dico solo questo: i social sono un’arma a doppio taglio, bisogna saperli usare molto bene. Il mio consiglio è di inserirli solo se portano un valore aggiunto al CV. Di come usare i social per fare personal branding ne abbiamo già parlato qui: "Personal branding in azienda: il kit per il corretto utilizzo dei social media".

8. Per terminare, tre consigli per gli aspiranti consulenti assicurativi di domani?  

Il consiglio che posso dare ai candidati è quello di avere consapevolezza del ruolo per cui ci si candida. Ad esempio, Alleanza ha predisposto un grande investimento per reclutare, assumere e fare training alle persone, soprattutto perché il processo avviene anche in termini di formazione d’aula professionale e “on the job". Ecco un articolo al riguardo: "Generazione Alleanza: il nuovo consulente assicurativo di talento!".

Quindi bisogna essere seri e non candidarsi tanto per provare, ma dimostrare di avere un interesse sincero. Come? Preparandosi per l’azienda, e non per un colloquio qualunque, e facendo capire perché si è la persona giusta per il ruolo di consulente assicurativo. 

In secondo luogo, consiglio ai candidati di dimostrare passione per il ruolo a cui si candidano. Al di là di tutto, quello che veramente cerchiamo sono persone motivate ed appassionate. 

Curriculum Vitae per il settore assicurativo: la sintesi 

Ecco, quindi, una sintesi per avere un CV perfetto per il settore assicurativo:

  • Il CV deve essere pensato specificamente per l'azienda  e la posizione desiderata. Inoltre, è meglio che sia dettagliato, ma non prolisso;
  • Presta attenzione alla foto: deve essere chiara e scattata in contesti professionali;
  • Dividi il CV in settori specifici: dati anagrafici, esperienza lavorativa, istruzione e formazione, abilità e, in ultimo, informazioni aggiuntive (tipologia di patente, automunito, formazione complementare ecc.);
  • Non dilungarti nel raccontare esperienze poco affini alla posizione ricercata. Contestualizza le competenze acquisite con esperienze professionali o accademiche e non sottovalutare questa sezione del curriculum. 
  • Inserisci la lettera di presentazione, ma fai modo che non sia troppo lunga e poco centrata. Meglio concentrarsi su tre righe di testo mirate oppure inserire una breve descrizione all'inizio del tuo CV. 

 

Se vuoi conoscere tutte le Keyword del mondo del lavoro, clicca qui sotto e ottieni il Glossario che abbiamo preparato per te! 

L'ABC del mondo del lavoro