AREA DOWNLOAD
CANDIDATI ORA
logo_moltodipiu_blu

Un nuovo modo di parlare ai giovani e al mondo del lavoro

Educazione finanziaria: che cos'è

Posted by Redazione on 21/10/20 9.37

Educazione finanziaria: che cos'è

Educazione finanziaria: che cos'è
Da: Redazione Pubblicato il: 21/10/2020
pubblicato in:
Condividi su:

A prescindere dagli stravolgimenti portati dal Coronavirus, profondi cambiamenti stavano già avendo luogo nella nostra società. Alcuni esempi? L’aumento dell’aspettativa di vita, la diminuzione della natalità, la riduzione delle pensioni, la mutevolezza dei mercati finanziari, e solo per citarne alcuni.

Tutte queste modifiche hanno avuto, e hanno tuttora, ripercussioni sulle decisioni che ogni persona prende nel corso della sua vita, soprattutto in merito a piani di risparmio, assicurativi, agli investimenti e alla previdenza. Una maggiore aspettativa di vita determina una diversa pianificazione del futuro e delle esigenze che emergeranno; il mutato mercato del lavoro che si apre davanti ai giovani implicherà scelte differenti; i mercati più complessi, e con un’offerta di prodotti più ricca, incideranno sulle scelte dei cittadini.

Una cosa accomuna tali cambiamenti: saranno duraturi. Per questo è sempre più necessario, sia per i giovani sia per gli adulti, avere una buona educazione finanziaria.

Ma di cosa si tratta precisamente? Ne parliamo in questo articolo!

- Che cos’è l’educazione finanziaria

- Le cose da sapere assolutamente per favorire la tua educazione finanziaria

- Educazione finanziaria: la situazione in Italia

 

Che cos’è l'educazione finanziaria

Se si vuole capire l’educazione finanziaria che cos’è, per prima cosa si può riprendere la definizione data dall’OCSE, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico:

“L’educazione finanziaria implica l’apprendimento da parte di consumatori, risparmiatori e investitori di come migliorare la propria capacità di comprensione dei prodotti finanziari e dei concetti che ne stanno alla base e, attraverso lo studio, la raccolta di informazioni e i consigli dei più esperti, di come sviluppare attitudini e conoscenze adatte a comprendere i rischi e le opportunità per fare scelte in ambito finanziario, per assicurarsi il benessere economico e migliorare il proprio livello di sicurezza nel futuro”.

Pertanto, l’alfabetizzazione finanziaria è un insieme di consapevolezza, conoscenza, abilità e atteggiamento, utile a raggiungere il benessere finanziario. È uno studio continuativo che le persone attuano nel corso di tutta la loro vita.

Non si deve pensare che l’educazione finanziaria sia una disciplina ostica e impossibile da comprendere ai più: in realtà esistono vari modi per iniziare ad alimentare la propria, e molte iniziative stanno già prendendo avvio, anche nelle scuole. Ciò che andrebbe diffusa è una sana comprensione di come attuare scelte economiche sostenibili.

Inoltre, si deve considerare che sempre più spesso i cittadini vengono chiamati a esprimere un voto su riforme economiche complesse: è fondamentale che essi sappiano distinguere tra un’informazione affidabile e una senza fondamento. Sapere cos’è l’educazione finanziaria porta a un esercizio consapevole della propria cittadinanza economica e evita di cadere nelle grinfie di qualcuno che si approfitti delle proprie scarse conoscenze.

educazione finanziaria cos'è
Le cose da sapere assolutamente per favorire la tua educazione finanziaria

Possono bastare poche nozioni per far fronte alle decisioni legate al denaro che si hanno nella quotidianità, a quelle che si devono prendere per pianificare il proprio futuro e per sostenere emergenze e imprevisti. Vediamo insieme le cose che è essenziale conoscere per incoraggiare la propria educazione finanziaria, promosse anche dalla Banca d’Italia.

1. Avere qualche conoscenza di matematica

Tasso di interesse semplice, tasso di interesse composto e inflazione: per calcolare alcuni dei valori base per possedere un’educazione finanziaria, serve avere un minimo di dimestichezza con i numeri. Un ambito in cui dobbiamo migliorare come Paese, soprattutto a partire dalla scuola, dato che gli studenti italiani non brillano in questa materia.

2. Tenere un bilancio delle entrate e delle uscite

Sapere quanto si ha a disposizione e quante spese si effettuano è davvero fondamentale. Una tale attenzione permette di comprendere se si stanno facendo acquisti inutili e se si è coperti in caso di spiacevoli imprevisti.

3. Risparmiare se possibile

Saper risparmiare non è semplice: per farlo un buon suggerimento è quello di spendere meno di quello che si potrebbe. Anche se si ottiene un aumento o un’entrata inattesa, bisogna capire quali sono le spese superflue da evitare e pianificare quelle che si vuole effettuare.

4. Sapere quanto indebitarsi, senza eccedere

Usare denaro preso in prestito risulta necessario in certi momenti della propria vita. Ad esempio, quando si acquista una casa o quando i figli iniziano un percorso di studi costoso. Ma ciò che va evitato è indebitarsi oltre alle nostre possibilità di restituzione del prestito richiesto.

5. Conoscere le proprie esigenze e valutare i tipi di servizi di cui si ha bisogno

Avere un’educazione finanziaria passa anche dal comprendere le proprie necessità. Semplicemente, si devono individuare i prodotti finanziari, assicurativi e previdenziali che fanno al caso proprio e che hanno un costo minore, per scegliere il migliore proposto sul mercato.

6. Imparare a capire le trappole

Prendere decisioni implica accantonare una possibilità e sceglierne un’altra. Se la valutazione è sbagliata, lo si scoprirà solo in seguito. Essere finanziariamente alfabetizzati significa anche riconoscere le “trappole” in cui possiamo cadere, guidati dal nostro istinto.

7. Chiedere l’aiuto di un esperto

Riuscire a fare tutto da soli sarebbe l’ideale, ma sfortunatamente non può essere così in ogni campo. Il rischio di sbagliare qualcosa, soprattutto quando si tratta di denaro e investimenti, è concreto è anche pericoloso. Gli esperti finanziari, come i consulenti finanziari, possono fornirci l’aiuto di cui abbiamo bisogno, essendo i massimi conoscitori di letteratura finanziaria.

 

educazione finanziaria che cos'è

Educazione finanziaria: la situazione in Italia

Numerosi studi hanno testimoniato come gli italiani siano poco alfabetizzati nelle materie finanziarie ed economiche. Dalle ricerche emerge non solo che la popolazione del nostro Paese non conosce i concetti base di tali materie, ma ha anche una scarsa attitudine a pianificare la gestione delle proprie risorse attraverso un budget, e una bassa diffusione di prodotti finanziari. In particolare, i gruppi più “lacunosi” risultano i giovani e gli anziani.

Come dicevamo prima, nel caso non ci si ritenga adatti ad acquisire un’educazione finanziaria nonostante siano chiari i suoi benefici, ci sono delle figure che possono venirci in aiuto proprio perché specializzate in queste materie: si tratta dei consulenti finanziari.

Avere un’educazione finanziaria infatti non significa improvvisarsi investitore e correre dei rischi: significa comprendere quali sono le proprie esigenze e capire se è necessario affidarsi a un professionista del campo. Insomma, avere un’educazione finanziaria aiuta ad affrontare ogni processo decisionale e a percorrere la strada giusta.

 

Se hai trovato interessante questo articolo e sei interessato all'argomento, ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter di MoltodiPiù! Ogni mese riceverai gratuitamente contenuti di approfondimento legati al mondo del lavoro, con un focus sull'ambito assicurativo.

Iscrizione_Newsletter_Alleanza