AREA DOWNLOAD
CANDIDATI ORA
Molto di più

Un nuovo modo
di parlare ai giovani
e al mondo del lavoro

Scrivere un ottimo CV per 4 settori diversi

Posted by Redazione on 13/10/17 17.57

Scrivere un ottimo CV per 4 settori diversi

Redazione 13/10/17 17.57 pubblicato in Il mondo del lavoro

Scrivere il proprio Curriculum Vitae è un passaggio obbligatorio per entrare nel mondo del lavoro. Scriverlo bene è il modo migliore per farsi notare e accedere ai famigerati colloqui di lavoro. Bisogna ricordare, però, il famoso detto del mondo del recruiting: azienda che vai, curriculum che mandi.

Uno degli errori più comuni, infatti, è quello di scrivere un solo Curriculum e inviarlo in modo sistematico a tutte le aziende per le quali si desidera candidarsi, anche se queste ultime sono di settori diversi. Chi valuterà il tuo CV non valuterà il tuo profilo professionale nel complesso, ma si limiterà a ricercare le informazioni più in linea con la posizione di lavoro offerta. Per questo è importante che ti focalizzi sul tipo di azienda per cui ti vuoi candidare e prendi, dalla tua esperienza, solo i tratti che giocano a tuo vantaggio. 

 

Il colloquio di lavoro: consigli di stile

Ecco, allora, come scrivere un ottimo Curriculum Vitae per quattro settori diversi.

Curriculum generale, perfetto per svariate aziende

  • Scrivi sempre una bella lettera di presentazione di massimo 10/15 righe, pensando all’azienda alla quale la stai mandando ed evita le intestazioni generiche tipo “Egregio Direttore delle risorse umane”. Se sai a chi indirizzare la lettera, scrivi il suo nome, altrimenti rimani sul generico ma solo nell’indirizzo: la lettera dovrà essere scritta espressamente per quell’azienda e dovrà mettere in luce le tue motivazioni nel voler candidarti per quella determinata posizione; 
  • Generalmente il Curriculum è meglio che sia di una sola pagina, o comunque completo ma sintetico. Un selezionatore dedica in media 3 minuti per CV, quindi riporta solo le informazioni utili a mettere in luce le tue qualità in relazione a quel determinato posto di lavoro;
  • Prendi in considerazione una grafica semplice e pulita, che agevoli la lettura, ricordati di inserire nell’ordine i dati anagrafici, le informazioni su percorso di studi e l’esperienza professionale;
  • Aggiungi, solo dopo le informazioni principali di qui sopra, le conoscenze di lingue straniere e informatiche, gli hobby e gli interessi personali;
  • Evita foto scattate in contesti non professionali o ritratti a figura intera in cui non sei chiaramente visibile in volto: l’immagine deve essere personale, ma seria;
  • Scrivi in modo chiaro e specifico i job title che hai già ricoperto;
  • Ricorda di inserire sempre il consenso al trattamento dei dati personali, espresso, ad esempio, con questa formula: “Ai sensi del D. Lgs. 196/2003, autorizzo al trattamento dei miei dati personali per le vostre esigenze di selezione”, opportunamente firmato. 

Curriculum per il settore Banking&Finance

  • Tieni pronti due Curricula: uno sintetico, con la cronologia delle mansioni già svolte, e un altro più esaustivo, con la spiegazione dettagliata;
  • Se lo parli, scrivi il tuo Curriculum in inglese. Non indicare conoscenze linguistiche che non hai: al colloquio potresti trovarti in situazioni imbarazzanti;
  • Scrivi una presentazione dei tuoi punti di forza contestualizzata ai risultati ottenuti e ai progetti condotti;
  • Indica il tuo livello di inquadramento o grado (dirigente, senior VP, director, managing director, eccetera); 

Curriculum per il settore moda e comunicazione

  • Scrivi in sequenza temporale le tue esperienze, dalla più recente a ritroso nel tempo;
  • Una foto è sempre gradita (rispettando le regole che abbiamo trattato nel CV generico);
  • Evidenzia la tua job title e l’azienda per cui lavori, specificando brevemente le responsabilità che ti competono;
  • Non interessa, in questo campo, se hai fatto lavoretti secondari come babysitter, barman, eccetera: per quanto possano averti insegnato numerose soft skills, è bene non inserirli.

Curriculum per il settore assicurativo 

  • Come per il CV generico, è meglio se non superi la pagina di lunghezza;
  • Dividi il CV in settori specifici: dati anagrafici, esperienza lavorativa, istruzione e formazione, abilità e, in ultimo, informazioni aggiuntive (tipologia di patente, automunito, formazione complementare etc.);
  • Inserisci una foto chiara e scattata in contesti professionali;
  • Non dilungarti nel raccontare esperienze poco affini alla posizione ricercata. 

Vuoi scoprire tutti i trucchi con cui migliorare il tuo CV e affrontare con serenità il tuo prossimo colloquio? Leggi CV e colloquio di lavoro: tutto quello che c’è da sapere!

Hai inviato il tuo CV e sei stato convocato per un colloquio? Leggi il nostro articolo sulle domande più gettonate e non perderti i nostri consigli di stile, clicca qui sotto e ottieni l’infografica completa per fare un’ottima prima impressione!

 

Il colloquio di lavoro: consigli di stile

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social!