AREA DOWNLOAD
CANDIDATI ORA
logo_moltodipiu_blu

Un nuovo modo di parlare ai giovani e al mondo del lavoro

Donne e gestione del budget familiare: dati e consigli utili

Posted by Redazione on 03/06/21 9.04

Donne e gestione del budget familiare: dati e consigli utili

donne e lavoro
Da: Redazione Pubblicato il: 03/06/2021
pubblicato in:
Condividi su:

L’emergenza sanitaria ed economica causata da Covid-19 non ha risparmiato nessuno, e in particolare le mamme. Per loro è stato un anno estremamente pesante: hanno dovuto riorganizzare la famiglia, gli spazi, i tempi, aiutare i loro figli con la DAD (Didattica A Distanza) e lavorare da casa. Non solo: hanno dovuto ripensare alla gestione del budget familiare.

Ma qual è il ruolo della mamma nella società di oggi? Scoprilo nel nostro articolo.

 

👉 Se vuoi restare sempre aggiornato sulle nostre novità, iscriviti alla newsletter! 

Iscrizione_Newsletter_Alleanza


Le donne e l’Educazione Finanziaria Assicurativa

Nell'ultimo anno, la capacità finanziaria delle donne è stata messa a dura prova dal Covid-19. Secondo alcuni dati emersi dal Comitato per la Programmazione e il Coordinamento delle Attività di Educazione Assicurativa e Finanziaria Doxa il 40% delle italiane oggi non è in grado di far fronte a una spesa imprevista di 2000 euro. Inoltre, 1 donna su 2 dichiara di essere stata costretta a modificare del tutto o in parte i propri obiettivi di vita a medio e lungo termine. Non solo: è donna il 70% dei 444 mila disoccupati creati dalla crisi pandemica e così il 40% della popolazione femminile soffre oggi di ansia finanziaria.
Anche i dati Ipsos illustrano un quadro in cui In Italia, 1 donna su 2 ha visto peggiorare la propria situazione economica a causa della crisi pandemica e 1 lavoratrice su 2 ha paura di perdere il proprio posto di lavoro. Nel 2020 sono state 37 000 le dimissioni volontarie di neomamme.

L’Educazione Finanziaria e Assicurativa rappresenta un contributo importante per rafforzare consapevolezza e autodeterminazione femminile, configurandosi come un volano per la ripresa e per la costruzione di un futuro migliore. In Italia il livello di cultura finanziaria e assicurativa è ancora basso, agli ultimi posti in Europa. È quindi molto importante fare educazione finanziaria già sui banchi di scuola, trasmettere questi concetti fin dalla tenera età affinché si impari da subito a dare il giusto valore al denaro, al risparmio e alla protezione delle persone, degli animali e delle cose che si amano. Soltanto così si acquisiscono le competenze necessarie per prendere decisioni consapevoli e indipendenti.

Guarda il video che abbiamo realizzato in merito al rapporto tra le donne e la pandemia.

 

Come è cambiata la gestione della famiglia? 

Durante il primo lockdown la gestione famigliare è cambiata tantissimo: siamo passati da una vita frenetica a una vita chiusi in casa. Le donne, spesso, hanno riorganizzato la propria abitazione in modo che ogni componente della famiglia potesse avere i propri spazi per svolgere le proprie attività. Un aspetto positivo emerso da questa condizione è sicuramente il fatto di aver riscoperto il piacere della condivisione. Molte mamme si sono trovate a giocare con i propri figli, altre si sono fatte aiutare in cucina e nella gestione della casa.

Le famiglie sono state costrette a rivedere le proprie priorità e si sono rese conto di aver bisogno di proteggere il proprio nucleo famigliare. Le preoccupazioni degli italiani sono cambiate: il 71% di loro ritiene che sia la salute la preoccupazione principale, a seguire la perdita del lavoro e la salute dei propri figli e genitori. Per questo motivo la propensione all’acquisto di polizze assicurative è raddoppiata tra gli italiani.

Secondo gli ultimi dati del Comitato per la Programmazione e il Coordinamento delle Attività di Educazione Assicurativa e Finanziaria Doxa, 3 italiani su 10 avrebbe difficoltà a reperire risorse per affrontare spese improvvise post Covid-19 e questo riguarda soprattutto i giovani e le donne, la cui percentuale sale al 38%. Il dato, però, si riduce in quelle famiglie che erano abituate ad occuparsi delle loro spese con un’educazione finanziaria maggiore, segno che possedere delle competenze in questo campo aiuta a gestire meglio situazioni impreviste.

Come si può gestire il bilancio familiare in modo più ottimale? 

Sicuramente il detto “prevenire è meglio che curare” risulta veritiero anche in questa circostanza. Bisogna essere molto attenti nella gestione dei propri risparmi e del proprio patrimonio nella quotidianità. La prima cosa da fare per ottimizzare la gestione del bilancio è pianificare la propria vita. In che modo si può fare? Compilando mensilmente una tabella contenente tutte le entrate e le uscite della famiglia. È importante redigere in modo sostenibile il proprio bilancio famigliare per essere in grado di gestire spese impreviste, far fronte a spese ingenti e da ultimo, ma non meno importante, in ottica di investimento. Soltanto così si potrà raggiungere un equilibrio finanziario sostenibile che a sua volta produce benessere mentale e fisico e contribuisce alla serenità.

Gli italiani hanno l’attitudine a tenere i propri soldi in liquidità sul conto corrente ma questa predisposizione è inefficiente. Quello che si dovrebbe fare è conservare una parte del proprio risparmio e l’altra parte investirla in strumenti di protezione, finanziari e previdenziali al fine di tutelare la famiglia, proteggere il futuro proprio e dei figli e incrementare le risorse economiche.

A questo proposito, la senatrice degli Stati Uniti Elizabeth Warren ha introdotto il “Metodo del 50/20/30” al fine di fornire un mezzo che possa aiutare le famiglie a gestire le proprie risorse. Secondo questo modello il 50% delle risorse finanziarie di un nucleo familiare devono essere indirizzate alle spese necessarie (supermercato, utenze, mutuo, affitto); il 30% deve essere rivolto alle spese non necessarie ma che sono ritenute importanti (andare in palestra, al cinema, a teatro); il restante 20% deve essere risparmiato e dedicato a dare maggiore serenità alle famiglie.

Protection Day: Mamma è un verbo al futuro

In occasione della Festa della Mamma, Alleanza ha organizzato il secondo evento nazionale “Mamma è un verbo al futuro”, tenutosi il 6 maggio, che si inserisce all’interno di un calendario di eventi virtuali e territoriali dedicati ai temi dell’Educazione Finanziaria e Assicurativa. Durante questa iniziativa Claudia Ghinfanti, Responsabile Marketing di Alleanza Assicurazioni, Alessandra Maci, Responsabile Welfare Sociale di Global Thinking Foundation e Teresa Mannino, comica e conduttrice televisiva hanno analizzato il ruolo della mamma nel contesto attuale e nella fase di crisi. Gli strumenti per proteggere e tutelare la propria famiglia esistono: occorre conoscerli per poter compiere delle scelte consapevoli.

 

Le mamme sono accomunate da una grandissima capacità di problem solving ossia la capacità di adattamento a tutte le situazioni che consente loro di trovare sempre soluzioni alternative anche laddove sembra impossibile. Sicuramente i verbi che le rappresentano al meglio sono proteggere, curare e amare.

Vuoi scoprire quale verbo al futuro ti rappresenta come mamma? Effettua il test che abbiamo realizzato per te!



In Alleanza cerchiamo giovani talenti. Non esitare e clicca il bottone qui sotto: entra in Alleanza, un ambiente giovane e stimolante pronto ad accoglierti! Qui avrai la possibilità di ricevere la giusta formazione per diventare consulente assicurativo ma non solo: potrai seguire dei percorsi volti ad incrementare le tue competenze finanziarie.

Candidati ora ad Alleanza Assicurazioni